La cartapesta

La tecnica adoperata per realizzare i pupazzi si differenzia da quella classica, infatti il termine corretto è carta da calco e la si ottiene sovrapponendo più fogli di giornale uniti tra loro per mezzo della colla. La carta, poi viene strappati in minuscole striscioline e viene fatta aderire all’interno dei calchi in gesso in più strati, che, precedentemente, è bagnata con olio o sapone per poter facilitare l’uscita della carta dal calco in gesso. Per distinguere uno strato dall’altro si utilizza la carta di diversi colori.

Una volta asciugata la carta, si ottiene il positivo originario della forma in argilla ed in seguito, vengono effettuati i telai in ferro necessari per “armare” i pupazzi.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Guarda la nostra Privacy Policy.

Accetta i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information